“Rotatoria dell’ Albera ( o del Villaggio del Sole).

“L’uomo è un ponte fra due nulla”  VF.Nietzsche

 “Rotatoria dell’Alberta  – Vicenza”

 olio, acrilici e pastelli su tela 46 x 63 cm, 2012

DATI TECNICI
La rotatoria, prima realizzata in via sperimentale, poi in via definitiva, presenta una forma ad ellisse con un diametro esterno massimo pari a 50 metri e uno minimo pari a 45 metri, mentre il diametro interno massimo è di 30 metri e quello minimo è di 25 metri. L’anello di marcia interno ha una larghezza di 10 metri. Il diametro massimo dell’isola centrale è pari a 25 metri e quello minimo è di 20 metri, con un anello sormontabile di 2,5 metri che favorisce le manovre dei mezzi pesanti.
Tutte le strade che si collegano all’anello, con l’eccezione di viale Trento, sono state dotate di corsia specializzata per la svolta a destra che consente ai veicoli in transito di eseguire la manovra senza dover impegnare la rotatoria. Inoltre è stato rivisto e potenziato l’impianto di illuminazione pubblica di tutta l’area.
La realizzazione della rotatoria ha comportato anche la ridefinizione dell’attraversamento pedonale su viale del Sole: le strisce pedonali sono state allontanate dall’incrocio per una maggiore visibilità ed è stato installato un semaforo a chiamata per garantire più sicurezza ai pedoni nella fase di attraversamento.
Questa operazione ha consentito inoltre di dare continuità alla pista ciclabile che proveniente da Strada del Pasubio in direzione viale Trento.
I lavori sono stati eseguiti da A.M.C.P.S., sulla base del contratto di servizio per la gestione del suolo.

14500260_10210493257998438_4504382032267492060_o

Convegno sulle città Unesco
Pinacoteca Palazzo Chiericati. Stanza cosiddetta dei Mappamondi,
Vicenza 30 ottobre 2016 in mostra “Trittico delle Rotatorie ”
da sinistra
rotatoria A “Porta di San Bortolamio” San Bortolo Vicenza 40 x 60 cm olio su tela
rotatoria B  “Coccodrillo Rosso Incatenato”  Viale Milano Vicenza 60 x 60 cm olio su tela
rotatoria C “Rotroria dell’Albera Vicenza” 40 x 60 cm olio su tela

 

IL CALENDARIO DEL POPOLO: Periferie fisiche, periferie mentali (757)
a cura di Laura Peretti